Tag

, , , ,

LA CITTÀ SANTA CAP 21,12-14 APOCALISSE DI GIOVANNI

Invochiamo il Santo Spirito affinché ci illumini nella comprensione dell’Apocalisse di Giovanni

LA CITTÀ SANTA CAP. 21,12-14

12È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. 13A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.14Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.

Inizia il tracciato della planimetria della città santa, seguendo la struttura delle antiche città secondo le mura, le porte, le fondazioni v. 12-14

La città santa è cinta da un possente baluardo protettivo e si apre con le sue dodici porte alle quattro dimensioni dello spazio: tre per il sorgere del sole (est), tre la’ dove soffia la bora ( nord), tre dove soffia il noto (sud) e tre dove il sole declina (ovest). Così, infatti, sono indicati nell’ originale greco del v. 13 I quattro punti cardinali. Il trionfo del numero dodici vuole esaltare la realtà perfetta del popolo di Dio, incarnato in Gerusalemme.

Le dodici tribù costituivano il popolo della prima Alleanza e ora si ripropongono anche nella nuova e definitiva Alleanza.

Anche le fondamenta della città ricalcano il numero sacro del dodici, ma con riferimento ai dodici apostoli di Cristo v. 14