Tag

, , , , , , ,

APOCALISSE DI GIOVANNI CAP 12,7-18

LA LOTTA TRA IL DRAGO, MICHELE E LA DONNA

Apocalisse 12,7-9
7 Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, 8 ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. 9 Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli. 10 Allora udii una gran voce nel cielo che diceva:
«Ora si è compiuta
la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio
e la potenza del suo Cristo,
poiché è stato precipitato
l’accusatore dei nostri fratelli,
colui che li accusava davanti al nostro Dio
giorno e notte.
11 Ma essi lo hanno vinto
per mezzo del sangue dell’Agnello
e grazie alla testimonianza del loro martirio;
poiché hanno disprezzato la vita
fino a morire.
12 Esultate, dunque, o cieli,
e voi che abitate in essi.
Ma guai a voi, terra e mare,
perché il diavolo è precipitato sopra di voi
pieno di grande furore,
sapendo che gli resta poco tempo».
13 Or quando il drago si vide precipitato sulla terra, si avventò contro la donna che aveva partorito il figlio maschio. 14 Ma furono date alla donna le due ali della grande aquila, per volare nel deserto verso il rifugio preparato per lei per esservi nutrita per un tempo, due tempi e la metà di un tempo lontano dal serpente. 15 Allora il serpente vomitò dalla sua bocca come un fiume d’acqua dietro alla donna, per farla travolgere dalle sue acque. 16 Ma la terra venne in soccorso alla donna, aprendo una voragine e inghiottendo il fiume che il drago aveva vomitato dalla propria bocca.
17 Allora il drago si infuriò contro la donna e se ne andò a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù.
18 E si fermò sulla spiaggia del mare.

Nel confronto aspro tra la donna e il drago entra in scena con un’ irruzione clamorosa, l’ angelo Michele. Egli è l’ avversario dichiarato del drago è, quindi di Satana, soprattutto nello scontro tra il Bene e il Male che suggellera’ la storia. In questo passo dell’ Apocalisse, l’ aspetto dello scontro bellico è marcato e la battaglia angelica qui descritta sbocca nell’ espulsione degli angeli ribelli dal cielo. La comunità cristiana è, comunque, serena e si schiera con la milizia angelica fedele che le assicura una protezione invincibile: il nome stesso “Michele” in ebraico significa “Chi è come Dio?” ed è perciò un auspicio di sicurezza e di vittoria.

Nessuno potrà mai schiacciare chi è sotto la protezione divina, mentre a più riprese si nota che il drago è scaraventato dal cielo sulla terra insieme coi suoi seguaci, gli angeli ribelli. vv. 7-9

Questo è il mio fioretto di oggi

Siamo entrati nel triduo pasquale, c’è tanto materiale nei miei fioretti per meditare sul grande Mistero.

Giusy Lorenzini ❤️

Scritto con l ‘aiuto del libro del card. Gianfranco Ravasi, “Apocalisse”