Tag

, , , , , , , , , , ,

-Cristo di S. Giovanni dalla croce-Salvador Dalì-

 CRISTO È  RISORTO, POSSIAMO ESSERNE SICURI? SECONDO LE SCRITTURE… SÌ

Le profezie dell’Antico Testamento rivelano le modalità della passione, morte e risurrezione di Cristo. 

I Salmi di Davide furono composti circa nel 1000 a.c. per poi essere riportati in forma scritta nel VI secolo a.c.

SALMO 22,2

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”.

LA MORTE DI GESU’

Dal Vangelo secondo MATTEO 27,45-46

“Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio sulla terra. Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: “ELI’, ELI’, LEMA’ SABACTA’NI?”, che significa: “DIO MIO, DIO MIO, PERCHÉ MI HAI ABBANDONATO?”

LA PROFEZIA SI È  AVVERATA

IN MY HUMBLE OPINION

Ed ecco di nuovo Il salmo 22 , con la sua V° profezia. Nelle Sacre Scritture il grido di dolore di Gesù, che chiama in aramaico il Padre era già stato annunciato con 500/600 anni di anticipo e Gesù pronuncia quella frase nel momento più drammatico della sua esistenza terrena, per rimarcare ancora una volta, che è Lui il Messia tanto atteso. Quel dolore umano di Gesu’ è fatto di solitudine e di abbandono, non e’ forse lo stesso abbandono che proviamo quando gridiamo a Dio la nostra disperazione? Gesù morente ha caricato su di sé tutto il male, il peccato e la morte. Scriveva L’evangelista Giovanni: “Era la luce vera che illumina ogni uomo…” “Era venuto nel mondo, ma il mondo, non l’ha riconosciuto…”. Cristo è l’uomo-Dio che colma qualsiasi iato, qualsiasi abisso. È ancora e per sempre amore che Dio s’ incarna e, quel grido che l’uomo-Dio fa, è per non aver accettato compromessi con il male e con la morte. Come non ascoltare un uomo che, con le sue parole, supplicava tutti di credere in lui e che era venuto nel mondo se non per questo: aprire l’ingresso nell’aldilà, fatto di amore, pace, felicità senza fine…Che capovolgimento rispetto alla tremenda angoscia della polvere nello sheol, delle tenebre degli Inferi o, dell’ombra dell’Ade! Prima di Lui si credeva esistessero solo questi luoghi infausti per accogliere le anime post-mortem. Cristo apre una via nuova di speranza e la percorre per primo, ma offre la possibilità a tutti noi di fare altrettanto: questa via porta alla vita eterna. Quell’ultimo grido dell’uomo-Dio e’ per restaurare la creazione degradata dal peccato, per condurla definitivamente alla sua perfezione originaria. Dio si fa uomo, perché l’uomo possa farsi Dio. Oramai non c’è più tempo per le esitazioni, chiunque decide di abbracciare quest’uomo morente, sappia che avrà la SALVEZZA e che la morte sarà solo un passaggio da una vita, alla VERA VITA.

” IN QUESTO SACRO LEGNO [LA CROCE DI CRISTO], OVE VITA / FU LA SUA PRIMA FOGLIA, E ‘L FRUTTO MORTE, / ESTINTA MORTE PRENDE OGGI LA MORTE, / E PIU’ BELLA, CHE PRIA, TORNA LA VITA”.

(Torquato Tasso, Rime e Prose, 1581)

Buona lettura e buona meditazione.

Giusy ❤

 

Annunci