Tag

, , , , , , , , , , ,

CRISTO È RISORTO, POSSIAMO ESSERNE SICURI? SECONDO LE SCRITTURE…SÌ

Giotto-il tradimento di Giuda-

LE PROFEZIE DELL’ANTICO TESTAMENTO RIVELANO LE MODALITA’ DELLA PASSIONE, MORTE E RISURREZIONE DI CRISTO. 

 500 anni a.c il profeta ZACCARIA annunciava:

“Poi dissi loro:”Se vi pare giusto, datemi la mia paga; se no lasciate stare”. Essi allora pesarono trenta sicli d’argento come mia paga. Ma il Signore mi disse:”Getta nel tesoro questa bella somma, con cui sono stato valutato!”. Io presi i trenta sicli d’argento e li gettai nel tesoro della casa del Signore”. ZACCARIA 12,12-13

IL TRADIMENTO DI GIUDA E L’ENTITÀ DEL PAGAMENTO

Dal Vangelo secondo MATTEO 27,3-5

“Allora Giuda, il traditore, vedendo che Gesù era condannato, si penti’ e riportò le trenta monete d’argento ai sommi sacerdoti dicendo: “Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente”. Ma quelli dissero:”Che ci riguarda? Veditela tu!”. Ed egli, gettate le monete d’argento nel tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi”.

LA PROFEZIA DI ZACCARIA SI E’ AVVERATA

IN MY HUMBLE OPINION

Ho deciso di scrivere a più riprese le profezie dell’Antico Testamento con gli adempimenti riscontrati nel Vangelo. Voglio inoltre specificare che i profeti parlavano sospinti dallo Spirito di Dio, avevano delle visioni o delle vere e proprie teofanie, non erano dei ciarlatani qualsiasi, spesso lo facevano malvolentieri ed infatti il più delle volte venivano uccisi sacrificando così, la propria vita per testimoniare la parola di Dio. Per quanto riguarda Giuda, spesso sento dire: “se era un predestinato che colpa aveva?”. Dio è Onnisciente e questo sta a significare che sa’ tutto, conosce ogni evento della storia dall’inizio alla fine, ma ciò non vuol dire che può determinare l’evento stesso. Zaccaria aveva annunciato il tradimento di Giuda, proprio in virtù che sotto l’azione dello Spirito di Dio poteva conoscere il futuro; ma Giuda scelse liberamente di tradire Gesù, tant’ è vero che dopo si “penti”, se fosse stato un predestinato, il pentimento non aveva nessun senso. Pensare poi che Dio, fonte di ogni bene e di ogni benedizione, predestini un uomo ad essere un traditore, un complice di un feroce assassinio, va oltre ogni regola di buon senso e ogni efferato omicidio troverebbe così, una sua giustificazione. Con il libero arbitrio, Dio puo’ ottenere da noi sia i nostri “si” che i nostri “no”. Siamo talmente liberi che possiamo compiere sia il bene, sia il male, ovviamente dovremo rispondere delle nostre azioni di fronte a Lui, sia ben chiaro. Giuda scelse liberamente di tradire Gesù, il motivo per cui i profeti lo sapessero secoli prima? L’ho già spiegato in precedenza e lo ripeto: nella dimensione dell’Assoluto di Dio, senza tempo, senza (per spiegarmi meglio), il passare dei giorni, dei mesi, degli anni, dei secoli, delle ore, dei minuti, dei secondi; dove tutto è ETERNO, ogni avvenimento è conosciuto dall’inizio alla fine perché sono compresenti. Con l’intoccabile libero arbitrio, Dio rimane l’Autore e il Protagonista della storia umana, ma i personaggi che compongono “il romanzo” della storia del mondo si muovono liberamente, anzi, per essere più precisi, ognuno contribuisce scrivendo la propria storia, anche in modo contrario di come vorrebbe l’ Autore. Ad esempio, Dio ha già annunciato nell’Apocalisse che la vittoria finale sul MALE sarà la Sua, il futuro è già palesemente conosciuto, ma questo avvenimento non è ancora accaduto, perché? Perché noi umani siamo nel TEMPO e spetta a noi, seguendo le vie indicate da Dio, accelerare questa profezia prodigandoci ad affermare il bene affinché si avveri il più presto possibile. Gesù stesso diceva: ” Il mio regno non è di questo mondo”. Dio ha lasciato il compito all’umanità intera di realizzare la pienezza del Suo Regno, senza lasciarci soli. Il Protagonista e’ presente nei Sacramenti, nella Chiesa, in tutti noi e il Suo Spirito soffia dove vuole, la Provvidenza ci accompagna sempre, la Grazia ci sostiene e interviene affinche la Salvezza umana giunga a suo compimento. Senza abolire la nostra libertà, altrimenti saremmo solo dei personaggi che recitano un copione già scritto! Se nel mondo c’è tanto male, domandiamoci ogni giorno: ” Cosa ho fatto io, per rendere migliore questo mondo?” Senza pensare a un Dio che ha già stabilito tutto e che per questo motivo, non è necessario il nostro impegno per cambiare le cose sbagliate. La predestinazione fa parte della dottrina Calvinista, fa parte del Protestantesimo e dell’lslamismo, bisogna prenderne coscienza; diceva S. Agostino:” se l’ uomo non fosse libero, egli non avrebbe meriti, né colpe”. Tornerò spesso su questo argomento perché mi sta molto a cuore, com’è è mia consuetudine lascio però, la totale libertà al lettore, anche perché con la viscerale convinzione che ho sul libero arbitrio, non potrei fare altrimenti.

Buona lettura e buona meditazione,

Giusy ❤

Annunci