Tag

, , , , , , , , , , , , ,

APPUNTI DI VIAGGIO, DI UNA TURISTA PER CASO

-Lacco Ameno-Ischia, dove ho soggiornato in questa breve vacanza 

Ho fatto qualche viaggio in gioventù, ma certamente ben poca cosa rispetto a tante altre persone. Nel Sud d’ Italia,  mi recai una volta da padre Pio e un’altra volta a Pompei, anni e anni fa, per cui posso ben dire di essere “scesa” al Sud ufficialmente questa volta,  per una settimana ad Ischia. Un’isola dunque, lo desideravo da tempo. Ischia è bellissima e piena di contraddizioni, com’è del resto l’Italia in generale. Io le vacanze non le posso programmare per via della mia salute, per cui anche questa volta non ho potuto scegliere ne’ il luogo, ne’ l’ albergo 3 stelle dove alloggiare. Sono capitata per questo motivo in un Hotel 4 stelle, per via di una promozione; bello (a parte la camera), ma pieno di gente facoltosa e terribilmente snob. Quella freddezza la sento ancora se ci penso, le madame ed i monsieur, hanno capito al volo che non ero una alla loro altezza ed evitavano di proposito il saluto, forse, per marcare maggiormente il distacco. Di sicuro non me la sono presa, anzi, ho rivendicato con fierezza di essere una popolana verace e da subito, i miei interlocutori preferiti erano il giardiniere dell’ albergo, la donna delle pulizie, un gruppo  di persone ospiti in questo Hotel, residenti a Milano, ma tutti siciliani di origine. In seguito, passeggiando per il corso del paese e lungo il porto ho fatto velocemente breccia con il popolo ischiano, aiutata dal mio accento toscaneggiante e dal il mio carattere. Ad Ischia ci sono le terme, Omero già  le citava nell’Iliade, Virgilio nell’Eneide, e pure Plinio e Strabone ne avevano parlato. Non è un caso se le acque termali di Ischia sono famose da secoli: già ai tempi dei Romani molti soggiornavano sull’ isola per le proprietà benefiche dell’ argilla. Così, anch’io ho fatto qualche bagno termale, ma poi la voglia di vedere l’isola e l’attrazione per il mare erano troppo forti, ed è stato così che ho abbandonato in fretta la settimana di relax alle terme: là  c’era un mondo che dovevo assolutamente vedere …

-Foto tratta dal Web-Lacco Ameno, roccia sul mare chiamata “il fungo”

Il DIALETTO NAPOLETANO 

Credo che non ci sia nessuno al mondo che non abbia mai sentito parlare un napoletano, o che non abbia mai ascoltato una canzone napoletana. Il fatto curioso è, che NON mi era mai capitato di sentire così tanta gente contemporaneamente che parlasse questa lingua. Non capivo quasi nulla, ma avvertivo una certa musicalità in quel linguaggio. Le frasi le sentivo spezzate e le vocali, quasi sempre scomparivano al termine della parola…

Oggi è na’ bellà iurnata e’ sol…Maronna aiutàm!…Buonasèr bellà signòr!

Per ultimo bisognava aggiungere al discorso un’aria stanca, anzi, “stanca’“! Oh si! M’ incuriosiva questo linguaggio colorito e ridevo… Per le strade poi… solo musica napoletana, né italiana, né straniera, rigorosamente napoletana!

VOCE DI POPOLO VOCE DI DIO

Ischia è bellissima, non me la dimenticherò di sicuro, come non dimenticherò le sue contraddizioni…

Il giardiniere – ecologista dell’Hotel, mi raccontava che l’isola era congestionata da un traffico d’auto insopportabile per lo stesso ecosistema di Ischia. Mi spiegava inoltre, che si doveva intensificare il trasporto pubblico con mezzi adeguati e depotenziare l’uso privato delle auto…come non dargli ragione! Mentre parlavamo avevo notato uno strano luccichìo nei suoi occhi e, con un evidente dispiacere, tipico di chi ama davvero la sua terra, mi ha detto che ad Ischia non ci sono i depuratori, ed i liquami perciò, vengono sversati in mare. Inoltre, nell’intero golfo di Napoli ci sono grossi problemi d’inquinamento e di cementificazione selvaggia. Ecco cos’era quel fetore che sentivo a volte passeggiando! Ci sono rimasta davvero molto male, l’Italia non è capace di volersi bene, abbiamo 7000 km di coste, i mari più belli e i politici più incapaci e corrotti.

Lascio due link, così chi legge capirà da solo, come è gestita la nostra bella Italia…

http://www.ilgolfo24.it/?p=20266

http://www.ilgiornalelocale.it/2016/06/62898/

GLI EXTRATERRESTRI SONO SBARCATI AD ISCHIA…

-Foto personale -Porto di Lacco Ameno, Ischia- “I tripodi”

Passeggiando per il porto la sera, vedevo un gran bagliore di luci, mi pareva un luna park sull’acqua. Da vicino, erano yot di una grandezza mai vista, a me parevano i Tripodi  della “guerra dei mondi”

-Foto personale- Non provavo invidia per i proprietari dei Tripodi”, ma rimanevo allibita di fronte a tanta sfacciata ricchezza, un divario incredibile, un delirio di onnipotenza, un mondo tremendamente ingiusto.

-Foto personale –I propretari dei tripodi, per sostare nel porto, spendono 1000 € al giorno, la paga di un mese di lavoro di un operaio…Mi raccontavano gli ischiani, che ogni giorno queste imbarcazioni vengono  pulite e lucidate dai mozzi, poiché devono essere sempre ineccepibili esteticamente…Provate a pensare dove vanno a finire i detersivi che usano per pulirle…

Foto personale- Queste invece sono le imbarcazioni dei “mortali”, per fare il giro dell’isola. Io ci sono salita due volte per visitare Ischia via mare e Capri. Queste “carrette dei mari”, sono vecchie ed obsolete, ed mettono una quantità di nafta impressionante -mi sono riempita i polmoni- ma comunque ne è valsa la pena! A bordo ho conosciuto il marinaio che gestiva un po’ tutta l’imbarcazione, credevo fosse sua…ma lui mi ha risposto: “Signorà, nun song padròn neppùr ra’ magliètt e dei pantalòn ca’ indòss!”. Non tutti gli ischiani si sono arricchiti con il turismo.

SANT’ ANGELO, IL PAESE PIÙ CARINO D’ ISCHIA…ALMENO PER ME

-Foto tratta dal Web-Porto Sant’Angelo 

-foto personale-

Sant’Angelo è veramente carino, il paese ha conservato ancora le caratteristiche di un piccolo borgo isolano, ben lontano dalle grandi catene alberghiere e dal turismo di massa.  Se mi capitasse di tornare ad Ischia, questo e’ il luogo dove soggiornerei volentieri…ma solo ovviamente se rimanesse così…

ADDIO MIA BELLA CAPRI, MAI PIÙ TI RIVEDRÒ …

hotel-a-capri1.png

-Foto tratta dal Web-Capri-

Capri non è per tutti, è bellissima, ma non è accessibile per chi non ha un grande portafoglio. L’ho vista sì, ma non come avrei voluto, ritengo un’ offesa sapere, come contribuente e cittadina italiana, di  non avere l’opportunità di visitare un qualsiasi  luogo che appartiene allo stato italiano, per  via dei costi altissimi.

-Foto personale -Capri- Uno scorcio della famosa piazzetta

La piazzetta era bella, ma…credevo che lo fosse molto di più…  C’erano orde  di turisti dappertutto e un caldo soffocante, avevo sete, ma per una granita mi hanno chiesto 8€…Non l’ho comperata…

 IL MITO DELLA PIAZZETTA DI CAPRI NON C’È PIÙ 

Brigitte Bardot è oramai un’ anziana signora, Jacqueline e Aristotele Onassis sono morti, furono personaggi come loro che crearono il mito a Capri. Quando questi divi venivano in vacanza in quest’isola, gli italiani facevano fatica a mettere insieme pranzo e cena e le vacanze, in pochi potevano permettersele. Sono passati decenni oramai, i paparazzi non ci sono più sulla piazzetta pronti ad immortalare le celebrità, adesso ci sono solo le ciurme anonime dei turisti, stanchi e assetati, com’ ero io. I Vip, sono rintanati nelle loro ville arroccate sulle rocce, o al largo, nei loro mega-yot.

LAUDATO SI’, MI’ SIGNORE, PER SOR’ACQUA, LA QUALE E’ MULTO UTILE ET HUMILE ET PREZIOSA ET CASTA…

-Foto personale-Grotta dei coralli-

-Foto personale-Grotta verde-

-Foto personale-I Faraglioni-

-Foto personale- Sempre vicino al mare, avevo poco tempo per stare a tu per tu con lui…

in mezzo al mare fotografavo tutto, perché sapevo che la mia mente in quei pochi attimi, non poteva memorizzare tutte quelle bellezze. Carpe diem…carpe diem, ripetevo… solo pochi fotogrammi a disposizione, per chi non può permettersi il lusso.

-Foto tratta dal Web- La grotta azzurra…ho assistito al suo funerale

Non l’ho vista la grotta azzurra, ero basita di fronte a questo spettacolo osceno. Le imbarcazioni erano tantissime e, con 13 € a cranio di aggiunta sul prezzo del biglietto, si poteva visitare la grotta azzurra con delle barche a remi, già, ma le navi rimanevano in sosta ammassate vicino alla grotta per più di un’ora per aspettare i turisti che tornassero dalla grotta… inquinando ancor di più quel bellissimo mare blu cobalto!.. E così, la piscina privata dell’imperatore Tiberio, si è trasformata in un business pazzesco, a discapito di madre natura. Qualche anno fa, ci furono molti turisti intossicati dal gasolio delle navi, la grotta fu chiusa, ma per poco…il dio denaro non ammette soste. Questa foto l’ho tratta dal Web, io non fotografo i funerali e quel giorno l’ho visto… era per madre natura. Sarebbe ora di ricordare le parole di S. Francesco, grande santo e grande ecologista. Il Cantico delle Creature, non è  forse un inno di lode e di ringraziamento a Dio, per la bellezza del creato?

A MAGGIO DEL 2016, IL SINDACO PROMETTEVA…

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/troppi-turisti-a-capri-il-sindaco-vuole-ridurre-gli-sbarchi-uno-ogni-venti-minuti_3009996-201602a.shtml

NON MI SONO GINOFLESSA AL DIO DENARO

Nel tardo pomereggio l’escursione a Capri era terminata. Per vedere l’isola ho dovuto prendere due navi, un taxi, un bus pubblico e una funivia, tutto per risparmiare un po’, il taxi solo per salire ad Anacapri ha preteso 30 € per compiere 6 km. Scesa al porto ho chiesto ancora una granita al limone, mi hanno risposto chiedendomi 6 €, ero stremata, il bastone da trekking che porto sempre con me per i lunghi spostamenti, non riusciva più a sostenermi. Ho domandato  allora al gestore del locale, se potevo sedermi, mi ha risposto che con una granita non si poteva. Ho rifiutato la granita e l’ho mandato a vaffanculo.

La sera in Hotel, avevo la febbre…il fisico si ribella se lo tratti male, come la natura, che farà altrettanto con chi la ferisce in quella maniera.

A Ischia il giorno dopo, passeggiando ho visto che vendevano granite, ho chiesto il prezzo: 2, 50 €. L’ho comperata e, seduta su una panca osservavo in santa pace il mare…

UNA CANZONE PER:

PER TUTTI COLORO CHE AMANO LA NATURA E VORREBBRO CHE FOSSE RISPETTATA

PER TUTTI COLORO CHE AMANO IL MARE

PER TUTTI COLORO CHE  SEPPUR IN VACANZA, SI GUARDANO INTORNO E NON SI GIRANO DA UN’ALTRA PARTE PER NON VEDERE LE COSE CHE NON VANNO

PER TUTTI COLORO CHE VORREBBERO UN MONDO PIÙ EQUO

PER TUTTI GLI ISCHIANI, CHE IN QUESTI GIORNI STANNO LOTTANDO CON OGNI MEZZO, PER OPPORSI ALLA CHIUSURA DEL LORO OSPEDALE, DONATO DALL’EDITORE RIZZOLI

PER TUTTI COLORO CHE HO AVUTO IL PIACERE DI CONOSCERE IN QUESTO VIAGGIO, FATICOSO PER ME, MA COMUNQUE BELLISSIMO PER CIO’ CHE HO VISTO, PER  CIO’ CHE HO ACQUISITO, PER CIO’ CHE MI HA LASCIATO…

PER TUTTI COLORO CHE SI SONO INNAMORATI O EMOZIONATI  SOTTO LE NOTE DELLA MUSICA PARTENOPEA

PER PINO DANIELE…

Oggi e’ S. Lorenzo, auguro a tutti di poter vedere una stella cadente e che ogni desiderio espresso venga esaudito.

INOLTRE…

Buon Ferragosto a tutti, Giusy

Annunci