Tag

, , , , , ,

Se un giorno saprò

Se un giorno saprò che non ci saranno più femminicidi e che una carezza non si trasformerà mai piu’ in un pugno,

io celebrero’ questa festa.

Se poi qualcuno mi dirà, con assoluta certezza, che nel mondo non verranno più rapite donne e bambine per essere rinchiuse in abbietti Harem o bordelli,

io celebrero’ questa festa.

Se i mezzi d’informazione annunceranno che l’infibulazione non sarà più inflitta a nessuna bambina e che ogni uomo sarà diventato talmente erudito da ripudiare con fermezza lo stupro,

io celebrero’ questa festa.

Se mi convinceranno con palesi prove, che nel mondo sarà stato raggiunto un grado di civiltà tale, da determinare che le donne saranno finalmente amate, rispettate e considerate alla pari dell’uomo, in tutto e per tutto, 365 giorni all’anno,

io celebrero’ questa festa.

Se sarà chiaro a tutti, senza ombra di dubbio, che ogni bambino che viene alla luce è perché la donna è “madre di tutti i viventi” e per questo motivo, l’elemento fondante e determinante di questa società,

io celebrero’ questa festa.

Se tutto ciò potesse diventare realtà un giorno:

Portatemi mazzi di mimose,

date inizio alla musica e alle danze,

regalatemi commoventi poesie,

che la festa cominci.

Giusy Lorenzini

Caro diario, devo fare un saluto speciale, ad una donna speciale: mia madre, che lasciò questo mondo proprio l’8 Marzo ♥♥♥

Cari lettori, quando ci sono ricorrenze particolari, non posso fare a meno di ricordare i miei amati genitori, anche perché li ho perduti entrambi. È un gesto d’amore nei loro confronti e non certo per esibizionismo o per uno stucchevole modo di impietosire. Voglio inoltre aggiungere che, nonostante l’articolo sulla festa della donna sia molto duro, auguro comunque a tutte le donne una bella giornata, con affetto, Giusy

Annunci