Tag

, , , , , , , , , ,

“Un tempo avevo sogni sulla Chiesa. Una Chiesa che procede per la sua strada in povertà e umiltà, una Chiesa che non dipende dai poteri di questo mondo. … Una Chiesa che dà spazio alle persone capaci di pensare in modo più aperto. Una Chiesa che infonde coraggio,  soprattutto a coloro che si sentono piccoli o peccatori. Sognavo una Chiesa giovane. Oggi non ho più di questi sogni. Dopo i settantacinque anni ho deciso di pregare per la Chiesa.”

Card. Carlo Maria Martini, Coversazioni notturne a Gerusalemme

Caro diario, oggi mi sento molto vicina a questa grande figura della Chiesa, il Card. MARTINI, un papa inspiegabilmente mancato. Sono accanto a lui nell’amarezza e nella solitudine che affiorano evidenti nelle sue e mie parole. Scrivo su questo blog e mi chiedo quanto resisterò sapendo bene che la Chiesa, mal sopporta una visione più aperta delle tematiche religiose. Un tempo avevo dei sogni sulla Chiesa, ora non ne ho più. Tanti e troppi interessi, ruotano intorno a Dio e tanti “piccoli” e “grandi” poteri girano intorno al Suo nome. Intanto le Chiese sono sempre piu’ vuote. Perché non si domandano come mai sono così? Io mi metto in gioco ogni giorno, quando pubblico i miei articoli e se qualcosa non va, ne rispondo personalmente. Se aprissero un blog come ho fatto io, senza appoggi e nella mia stessa situazione, vorrei proprio vedere le loro potenzialità, quanta gente li seguirebbe e se sarebbero capaci di confrontarsi. Lo Spirito evocato continuamente dalla Chiesa, soffia dove vuole e tutti gli uomini di buona volontà sono sospinti da Esso. Spesso parliamo della Chiesa con molta soggezione, ma la Chiesa in fondo che cos’e’? La Chiesa siamo tutti noi, perche’ la parola Chiesa, tradotta dal greco ( ekklesia ) significa ASSEMBLEA . In un’assemblea ci si riunisce, sia per pregare, sia per decidere insieme il da farsi. Cristo ha lasciato detto questo:” Tu sei Pietro e su questa pietra edificherai la mia Chiesa”. L’edificio di cui parlava Cristo era un’ ASSEMBLEA di persone che dovevano riunirsi nel suo nome, con i suoi insegnamenti tesi all’amore. Un edificio spirituale più che temporale. La Chiesa pertanto siamo anche noi che tutti insieme formiamo una collettività, un corpo unico unito al Signore. Il cristiano deve prendere coscienza di questo, ed imparare ad riequilibrare questo potere, comprendendo che anche noi laici abbiamo facoltà di parola, perché in un’assemblea tutti hanno il diritto di partecipare, altrimenti sarebbe un’oligarchia, tradendo così, la stessa volontà di Dio. A distanza di tanti anni, posso ben dire, che in questa “assemblea” non sono stata accolta e la Chiesa decide da sola cosa noi dobbiamo credere, senza discutere, senza farci riflettere o creare in noi un ‘opinione. Il Card. MARTINI pensava “ad una Chiesa che dava spazio alle persone capaci di pensare in modo più aperto”. Io e il Card. MARTINI avevamo dei sogni in comune, ma ora questi sogni non ci sono più. Mi rivolgo per questo motivo, ai laici come me, continuate a seguirmi, le Sacre Scritture parlano chiaro: per accedere nell’aldilà in armonia con Dio, conta soprattutto il nostro comportamento vissuto in terra. Ecco perche’ mi sta molto a cuore questa divulgazione. E’ il bene che salva. Penso a quante persone comuni , laiche, che hanno compiuto e compiono grandi gesti di altruismo, come Nelson Mandela, Gino Strada, come Falcone e Borsellino, ma anche a tutte quelle persone invisibili, che con coraggio portano avanti il mondo onestamente, e’ a loro che va tutta la mia riconoscenza e gratitudine; state tranquilli, per voi le porte del cielo sono spalancate! Diceva il curato d’Ars, a proposito del Paradiso: “alcuni voleranno come palle di cannone, altri si trascineranno come lumache”. Ho ancora tante cose da raccontarvi, non abbiate paura, non esitate, aiutatemi voi con il passaparola; la conoscenza è ragionamento, vi spiegherò quello che ho imparato in tanti anni di studio, perché anche voi possiate farvi meglio un’ opinione, con semplicità e senza alcun istinto di prevaricazione. Riflettete sulle parole del Card. Martini, un uomo illuminato dallo Spirito di Dio; se il mondo va così male e’ anche perché noi non vogliamo cambiarlo e ricordate sempre, cosa diceva nostro Signore: “Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”.

Caro diario, oggi Dio lo vedo molto lontano, anzi lontanissimo, ma io non mi sento in colpa, ho dato tutta me stessa per trasmettere la Sua parola, anche se non indosso una tonaca.

Annunci