NOBISCUM DEUM!221 L’ apostasia è già in atto?

Tag

, , , , , ,

Foto 1 Arabia Saudita: assemblea sui diritti delle donne. Foto 2 Roma: sinodo sulla famiglia. Foto3-4-5 gli scandali sulla pedofilia della chiesa cattolica

GESÙ E LE DONNE

Gesù con le donne si comporta in modo liberale: difende una prostituta dal linciaggio, dialoga di religione con una samaritana (cioè una reietta, secondo le concezioni ebraiche), permette a una malata (l’emorroissa) di toccarlo e la guarisce per la sua fede…ma la cosa più importante, affida ad una donna ( Maria Maddalena), di essere TESTIMONE DELLA SUA RISURREZIONE

GESÙ E LO SCANDALO

Il vangelo secondo Marco riporta: “Chi scandalizza uno di questi piccoli che credono, è meglio per lui che gli si metta una macina da asino al collo e venga gettato nel mare.

Sono tanti effetti collaterali che generano l’ apostasia

Come ho scritto precedentemente, l’apostasìa è l’abbandono formale e volontario della propria religione. All’apostasia può seguire sia l’adesione a un’altra religione, sia una scelta areligiosa. Nello scritto di oggi, ho puntato il dito sul potere maschile che accomuna molte religioni. Un potere usurpato con arroganza a discapito delle donne e dei bambini o dei più deboli, FUORI da ogni legge divina che è basata esclusivamente sull’ amore per il prossimo.

Questo è il mio fioretto di oggi

L’ apostasia è indotta da molteplici cause: la divisione dei cristiani, il maschilismo e gli scandali che allontanano i fedeli dal credo….ma ci sono anche altre cause da analizzare… Buona meditazione 🙏

Giusy Beatrice Lorenzini ❤️

NOBISCUM DEUM! 220 L’ apostasia è già in atto?

Tag

, , , , ,

https://images.app.goo.gl/NTwv1XZWKu5qdwWi7

In questo link, le evidenti divisioni dei cristiani che contribuiscono ad indebolire la forza universale del messaggio cristico

IL CRISTIANESIMO SI DISPERDE IN MILLE RIVOLI

Le divisioni dei cristiani
si possono identificare con queste chiese separate:

CATTOLICI

1 miliardo e 30 milioni di fedeli. Presenti in 218 Paesi. ,più della metà vivono nel terzo mondo, soprattutto America Latina. Riconoscono nel Papa, in quanto vescovo di Roma, il successore dell’apostolo Pietro.
Credono nell’infallibilità delle enunciazioni papali in materia di fede e morale. Danno rilievo particolare al ruolo salvifico di Maria madre di Dio e concepita senza peccato
[dogma della immacolata concezione ].

ORTODOSSI

130 milioni circa
La chiesa maggiore e
quella russa [50 milioni],
seguita dalla rumena [17]
e da quella greca [8].
Si sono staccati dalla Chiesa di Roma con lo scisma d’Oriente dei 1054. Non riconoscono l’autorità dei Papa Rifiutano i dogmi dell’immacolata Concezione di Maria e dell’Assunzione.
Credono nella superiorità della liturgia [ruolo delle icone] rispetto alla predicazione.

PROTESTANTI o EVANGELICI

Si separano ufficialmente da Roma nel 1529, dopo la condanna di Lutero, l’autore delleTesi da cui prese l’avvio la Riforma. Credono che soltanto la Grazia di Dio possa salvare l’uomo. La Bibbia è l’autorità sovrana in materia di fede. Si dividono in luterani, calvinisti e zwingliani, anglicani, valdesi. ( e chiese derivate)

CHIESE EVANGELICHE LIBERE

Rappresentano la parte più radicale del protestantesimo. Vogliono essere liberi da ogni legame e dipendenza, specialmente dallo Stato. Il Battesimo è una scelta consapevole che va fatta da adulti. Poca liturgia e molta attività missionaria. Le principali sono quelle dei battisti, metodisti, e derivati come mennoniti, quaccheri, Mormoni ,l’Esercito della Salvezza , etc.

ETIOPI

15 milioni. La comunità più numerosa è in Etiopia, dove quasi la metà della popolazione professa questa fede.

NESTORIANI

Chiesa Assira.V° secolo. Rito Caldeo.170 mila circa, concentrati in Iraq e Siria. Diffusi anche in Estremo Oriente a seguito di un’intensa attività missionaria.

FRATELLI MORAVI

600 mila circa, c oncentrati nell’ Europa centrale. In grande espansione la comunità della Tanzania, che oggi conta 300 mila fedeli.

GIACOBITI

2 milione circa, divisi
fra siro-occidentali, residenti in Siria, e siromaincarici, nella regione dei Kerala, in India.

UNIATI

Fanno parte della Chiesa cattolica-17 milioni in tutto, distribuiti fra Europa dell’Est e Medio Oriente. I Maroniti [Libano] da soli sono 3 milioni. Altri Riti: Caldei, Greco-cattolici e Rumeni.

MENNONITI

Quasi I milione e 400 mila vivono negli Stati Uniti d’America, In Europa sono 50 mila circa, soprattutto in Germania e Russia.

COPTI

5 milioni. La maggior parte è concentrata in Egitto.Sono divisi in cattolici ed ortodossi.
Rito Alessandrino.
Vescovati anche in Sudan, a Gerusalemme e negli USA.

ARMENI

La più antica chiesa autonoma d’Oriente.
Non avendo partecipato al Concilio di Calcedonia non credono nella unità di natura umana e divina in Gesù.

Le Chiese evangeliche o protestanti
Le chiese protestanti o evangeliche sono sorte nel XVI secolo in seguito alla predicazione di Martin Lutero. Biblista agostiniano e profondo conoscitore della Bibbia, egli rivendicava la necessità per la chiesa cristiana del tempo di riformarsi seguendo la Scrittura, tornando cioè alla Chiesa apostolica.

Egli ed i suoi seguaci si dissero “evangelici” per esprimere questa volontà di ritorno al Vangelo. Furono detti “protestanti” perché rivendicavano davanti all’Imperatore il diritto di predicare liberamente la parola di Dio.

La chiesa rappresentata dal papa condannò al Concilio di Trento le tesi del movimento protestante e questo dovette così darsi una propria organizzazione. In Germania fu influenzata da Lutero e si organizzò nelle chiese nazionali luterane, in Inghilterra fu il potere regio a dare forma alla nuova chiesa e nacque così la Chiesa d’Inghilterra (anglicana). Nel resto dell’Europa a dare l’impronta al movimento fu Giovani Calvino, professore a Ginevra. Questa formulazione della fede evangelica conduce ad una implicita riserva critica nei confronti di alcune delle dottrine diventate tradizionali nel cattolicesimo romano.

Se infatti il culto cristiano ha come momento centrale la predicazione dell’Evangelo, la pietà cristiana non potrà accogliere riti e cerimonie e manifestazioni di carattere superstizioso, magico quali si riscontrano di frequente nella religiosità naturale.

Se debbono considerarsi fondamentali ed esclusivi per la fede cristiana la persona e l’opera di Gesù Cristo ed il suo sacrificio, ne deriverà il rifiuto di ogni forma di venerazione per Maria ed i santi, se i sacramenti del battesimo e dell’eucarestia (i due soli istituiti da Cristo) sono segni della grazia divina e non mezzi per ottenerla, ne deriva il fatto che la Chiesa non ha sacerdoti cioé persone rivestite di particolare potere ma tutti i credenti hanno eguale responsabilità nella predicazione e nella testimonianza.

Si chiamano “protestanti” ( oggi ” evangelici”, insieme ad altre chiese) le Chiese nate in seguito alla Riforma religiosa dei XVI secolo. – La Chiesa Luterana, nata dalla predicazione di Martin Lutero, è diffusa soprattutto nell’Europa centro settentrionale, dove conta circa 67 milioni di fedeli. Nei Paesi scandinavi quasi tutta la popolazione è luterana. In Africa, America e Asia, questa Chiesa conta circa altri 8,5 milioni di seguaci. Il luteranesimo è caratterizzato dalla mancanza di una struttura ecclesiale ben definita e di un vertice autorevole, come il papa per i cattolici o il patriarca per gli ortodossi.

– Le Chiese riformate sono quelle nate dalla predicazione di Zwingli e di Calvino. Contano, oggi, circa 50 milioni di aderenti, la maggior parte dei quali si trovano nei paesi occidentali. Le Chiese riformate si sono, nei secoli, articolate e diversificate, per cause geografiche, storiche, teologiche. Le accomuna, tuttavia, la caratteristica struttura di tipo presbiteriano: a capo di ogni comunità vi è un presbiterío (collegio di anziani), che comprende il pastore della comunità.

Anche le donne, in molte Chiese riformate, possono svolgere il servizio di pastore. Le principali diramazioni che partono dalle Chiese di tradizione riformata sono la Chiesa Congregazíonalista, la Chiesa Arminiana, la Chiesa Irvinghiana o Chiesa Cattolica Apostolica, la Chiesa Scientista o Chiesa di Cristo.

– La Chiesa Valdese, nata prima della Riforma, vi ha in seguito aderito e conta oggi 45 mila seguaci, di cui 30 mila in Italia. Le chiese valdesi mantengono i due appellativi: valdese ed evangelico. Il primo per motivi storici, per riaffermare il legame che unisce la testimonianza odierna alle esperienze di fede dei valdesi medievali e mostrarne così la continuità nel nostro paese.Evangelico esprime invece la volontà di fondare il cristianesimo sull’Evangelo. Questo in accordo con la Riforma protestante ed il suo progetto di ritorno alla comunità cristiana primitiva e di purificazione della fede.

-La Chiesa Anglicana conta oggi oltre circa 60 milioni di fedeli, la metà dei quali nel Regno Unito, dove è nata in seguito alla separazione da Roma decisa dal re inglese Enrico Vili nel 1534. I quattro pilastri della fede anglicana sono: la Bibbia, che è Parola di Dio; battesimo ed eucaristia, unici sacramenti istituiti direttamente da Cristo; le antiche professioni di fede; l’episcopato storico. Quella anglicana è, in realtà, una “comunione di Chiese” (circa 30), presenti soprattutto nei paesi un tempo appartenenti all’impero britannico. Riconoscono, infatti, come sede primaziale quella di Canterbury e capo della Chiesa è la stessa regina d’Inghilterra. Inoltre possono diventare ministri tanto gli uomini quanto le donne, senza l’obbligo dei celibato.

– La Chiesa Battista conta, oggi, circa 35 milioni di fedeli, la maggior parte dei quali negli Stati Uniti. Fu fondata dal pastore anglicano John Smith (1554-1612) che, nel 1606,emigrò ad Amsterdam e amministrò a se stesso e alla sua comunità un nuovo battesimo. La Chiesa battista si fonda, infatti, sull’idea che il battesimo è una scelta di fede consapevole e va quindi amministrato solo ad adulti. Per questo, la confessione battista sottolinea l’impegno personale dei cristiano adulto e l’autonomia delle varie comunità nei confronti dello Stato.

– La Chiesa Metodista. Il nome deriva dallo stile di vita minuziosamente organizzato dei primi seguaci di John Wesley (1703-1791), che ne fu il fondatore. Oggi quei seguaci sono diventati circa 50 milioni, di cui quasi la metà vive negli Stati Uniti. Il culto metodista è molto simile a quello anglicano, semplificato e privato di elementi cattolici e calvinisti. Di tradizione metodista sono i fondatori di altri movimenti protestanti come i Mormoni e l’Esercito della Salvezza.

LUTERANI

61 milioni di fedeli, divisi in 200 comunità. La maggior arte è in Germania e nei Paesi scandinavi,soprattutto Svezia.

ANGLICANI

Chiesa che fa capo alla Corona Inglese.Il regnante nomina i vescovi.Primato del vescovo di Canterbury.

73 milioni presenti in 144 Paesi, più della metà sono concentrati in Inghilterra. Consistente la presenza in Africa.

BATTISTI

Rifiutano il pedobattesimo.
38 milioni circa.
Partiti dal l’Inghilterra,
sono oggi concentrati
quasi interamente
negli Usa.

METODISTI

Nascono a Oxford nel 1739.Centrale la coerenza morale.
29 milioni di fedeli. La maggioranza vive negli Stati Uniti d’America. Alcune comunità nei Paesi di lingua tedesca.

VALDESI

Vicini al protestantesimo. Movimento laico fondato da un mercante di Lione nel 1176:Pierre Valdes. Ideale di povertà evangelica.Concentrati in Italia, in Piemonte.

QUACCHERI

220 mila, soprattutto nello Stato di Pennsylvania. William Penn, il fondatore, li guidò nel Nuovo Continente.

PENTECOSTALI

Così si definiscono oggli la maggior parte delle chiese evangeliche rinnovate nello Spirito. Sono singole chiese guidate da carismatici e sono diffuse in tutto il mondo. Raggiungono i 100 milioni di fedeli e sono in espansione.

Fede Comune
I cristiani evangelici o protestanti, tra cui anche i valdesi e i metodisti, condividono, insieme con i cristiani cattolici e ortodossi, i fondamenti della fede cristiana. La comune fede cristiana può essere riassunta in queste cinque affermazioni :

1. Tutti i cristiani credono in un solo Dio creatore, fonte di vita e di amore, che si è fatto conoscere anzitutto agli Ebrei; credono in Gesù Cristo, unico Signore e salvatore, che ha manifestato all’umanità l’amore di Dio; credono nello Spirito santo, presenza attiva di Dio nella storia. In altre parole un solo Dio in tre persone, la “Trinità”.
2. Tutti i cristiani confessano che Dio ha parlato per mezzo di Mosè e dei profeti e in Gesù Cristo, com’è attestato dalle Sacre scritture dell’Antico e del Nuovo Testamento, cioè dalla Bibbia, che è il testo fondamentale della rivelazione.
3. Tutti i cristiani amministrano il battesimo e celebrano l’eucaristia, o Cena del Signore. A questi segni visibili, legati all’opera di salvezza compiuta da Gesù Cristo, le varie correnti del cristianesimo danno tuttavia significati diversi che, in alcuni casi, impediscono loro di riconoscere pienamente la validità del battesimo altrui e di partecipare alla mensa comune.
4. Tutti i cristiani ritengono che il Signore rivolga a uomini e donne un appello personale alla fede, da vivere con fedeltà, coerenza e obbedienza, e che tutti i credenti sono raccolti in un solo popolo, il popolo di Dio, chiamato a servirlo e a farlo conoscere a tutti, cioè la chiesa, la cui realtà, organizzazione e modi di vita essi intendono tuttavia in modi diversi.
5. Tutti i cristiani vivono una vita aperta al futuro e attendono la realizzazione della piena redenzione, promessa e iniziata da Dio in Gesù Cristo

Federazione delle Chiese evangeliche in Italia

La Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) riunisce quasi tutte le denominazioni “storiche” del protestantesimo italiano e alcune chiese dell’area pentecostale-carismatica e vuole essere una struttura aperta, al servizio di tutto l’evangelismo italiano. Complessivamente, le chiese federate abbracciano una popolazione di circa 65.000 persone, che corrisponde circa al 20% dell’intera popolazione evangelica italiana.

La struttura della FCEI assicura al tempo stesso un certo grado di unità fra cristiani appartenenti a diverse denominazioni evangeliche e la piena autonomia di decisione delle singole chiese. Nel preambolo dello Statuto le chiese federate riconoscono la “fondamentale convergenza delle loro posizioni ecclesiologiche”, in particolare con riferimento “alla natura missionaria della chiesa; al sacerdozio universale dei credenti; alla molteplicità dei doni e dei ministeri; alla chiesa locale intesa come elemento ecclesiologico primario”.

Secondo lo Statuto (art. 2), la FCEI ha tra i suoi scopi quello di manifestare l’unità della fede e ricercare una comune linea di testimonianza nel nostro paese, fondata sullo studio della Parola di Dio; vigilare sul rispetto dell’esercizio dei diritti di libertà in tema di religione; curare i contatti con altri organismi a base interdenominazionale ed ecumenica; promuovere l’informazione sulla cultura delle chiese evangeliche e delle minoranze religiose; promuovere l’attività di istruzione ed educazione; svolgere attività di assistenza a favore di persone svantaggiate, con particolare riferimento ai rifugiati e migranti.

I membri della FCEI possono essere effettivi (se ne accettano lo Statuto), aderenti (se accettano il fondamento di fede espresso nel preambolo dello Statuto e collaborano per il raggiungimento di alcuni obiettivi) oppure osservatori (se manifestano interesse per l’attività della FCEI).

Le chiese membro possono costituire delle Federazioni regionali per coordinare l’evangelizzazione, la testimonianza e il servizio a livello locale. La FCEI mantiene inoltre rapporti di fraterna collaborazione con la Federazione delle donne evangeliche in Italia (FDEI) e la Federazione giovanile evangelica italiana (FGEI), le quali hanno diritto di nominare i propri delegati con voce consultiva all’Assemblea.

Federazione delle chiese pentecostali

Le radici della Federazione delle Chiese Evangeliche Pentecostali in Italia risalgono al 1983 quando perimpulso di alcuni pastori fu promossa la prima Conferenza Ministeriale svoltasi a Massafra (TA); da questo evento, tenendo conto delle comuni radici spirituali legate al risveglio pentecostale sorto all’inizio del XX secolo che consentivano lo sviluppo di un dialogo fraterno pur nella diversità dei percorsi fatti, prese le mosse il Raduno dei Ministri Pentecostali (RMP) che si sarebbe incontrato regolarmente una volta l’anno.

..gli anni che seguirono hanno fatto sviluppare scelte ed obiettivi tesi a realizzare, per la prima volta in Italia, un rapporto consolidato tra alcuni ministri di chiese pentecostali autonome abbastanza rappresentative. Durante il Raduno svoltosi nel Maggio del 1997 a Castelvolturno (CE) avviene la trasformazione in Comunione delle Chiese Evangeliche Pentecostali (CCEP). Il Consiglio Nazionale della CCEP nella seduta del 15 settembre 1999 svoltasi a Monteforte Irpino (AV) approvò all’unanimità la Federazione delle Chiese Pentecostali.

Unione delle chiese metodiste e valdesi

Metodisti e Valdesi sono cristiani che appartengono alla famiglia delle chiese evangeliche o protestanti.

I valdesi sono presenti in Italia sin dal Medioevo, solo a metà del XIX secolo hanno ottenuto un editto di tolleranza, solo da quel momento hanno potuto esprimere la loro fede senza incorrere in repressioni, diffondendosi in l’Italia con un’opera di proselitismo e in Sud America (zona del Rio de la Plata) con l’emigrazione.

I metodisti, chiesa sorta in Inghilterra nel XVIII secolo, sono presenti in Italia dalla metà dell’Ottocento. Nel dopoguerra le due chiese hanno intensificato la collaborazione, giungendo nel 1979 ad un Patto di Integrazione che le unisce in un’unica comunità confessionale di cui è espressione il sinodo annuale.

Il movimento metodista nacque nel XVIII secolo ad opera del Pastore anglicano John Wesley (1703-1791) come movimento di Risveglio religioso e sociale che coinvolse dapprima Inghilterra e Nord America e poi, per l’attività dei suoi missionari, si diffuse ben presto in Europa e nel resto del mondo.Tutta la storia del Metodismo è derivata da una felice intuizione teologica di John Wesley.

E cioè che la rivelazione dell’amore di Dio per l’uomo è una verità interiore che si palesa nell’esperienza della carità umana. Questo significa che l’Evangelo incarnato nel Cristo – che Dio ha amato l’uomo indipendentemente da quello che egli è – acquista un valore sociale e diventa impegno di vita. Di qui la massima coerenza tra messaggio e azione. Separare l’opera missionaria di Wesley dal suo pensiero teologico’ che ne è il propulsore non è perciò possibile.

Una cosa non può essere intesa senza l’altra: sono interdipendenti. l’assioma metodista è che Dio ha dato tutto (e questo è dottrina teologica) per cui tutto noi dobbiamo dare (e questo è impegno sociale). C’è dunque un collegamento indissolubile tra la salvezza ricevuta come dono gratuito in Cristo e la salvezza offerta come dono riconoscente al fratello.

L’integrazione nel 1979 delle chiese metodiste in Italia con le chiese valdesi non ne ha modificato i lineamenti dottrinali.

Le chiese valdesi e metodiste lavorano in stretta collaborazione con altre chiese evangeliche in Italia nel quadro della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI). Mantengono relazioni molto strette con le chiese protestanti nel mondo partecipando al Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC).

L’ UNIONE FA LA FORZA

Un fiume arriva al mare con più acqua possibile, quando scorre libero e senza ostacoli, senza sbarramenti e senza tante ramificazioni. I cristiani così divisi, non fanno altro che intralciare il corso “del grande fiume DELLA SALVEZZA” e di fatto accelerano il processo apostatico. All’ opposto, le altre religioni monoteiste sono compatte e unite.

Questo è il mio fioretto di oggi

Sono molte le realtà che conducono all’ apostasia citata dalle Sacre Scritture, questo è uno dei motivi

Buona meditazione 🙏

Giusy Beatrice Lorenzini ❤️

NOBISCUM DEUM! 219 Cos’è l’ Apostasia?

Tag

, ,

La scristianizzazione di massa, induce a pensare che sia giunto il momento apostatico

Apostasia nel cristianesimo

L’apostasia è chiamata, all’interno della Chiesa cristiana, il rifiuto da parte di un ex cristiano della dottrina e della fede predicate da Gesù Cristo. In questo senso, è un concetto che viene utilizzato per descrivere la rinuncia volontaria e consapevole della fede in Dio e nei dogmi del cristianesimo. Pertanto, l’apostasia diventerebbe il processo della disconversione cristiana.

2Timoteo 3,1-5

1 Devi anche sapere che negli ultimi tempi verranno momenti difficili. 2 Gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanitosi, orgogliosi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, senza religione, 3 senza amore, sleali, maldicenti, intemperanti, intrattabili, nemici del bene, 4 traditori, sfrontati, accecati dall’orgoglio, attaccati ai piaceri più che a Dio, 5 con la parvenza della pietà, mentre ne hanno rinnegata la forza interiore. Guardati bene da costoro

L’ APOSTASIA È GIÀ IN ATTO ?

Credo di sì, credo che l’ Apostasia sia già in atto e, nel prossimo fioretto, mi soffermerò più specificatamente. Intanto è bene comprenderne il significato e soffermarsi nelle letture dei testi sacri ( come ad esempio la lettera di Timoteo), che annunciava secoli fa, ciò che sta accadendo ora.

NB. Le premonizioni di eventi futuri, come in questo caso, sottolineano ancora una volta, che la Bibbia fu scritta da tante mani umane e attraverso secoli di storia, ma l’ ispirazione dai cui bisogna trarre insegnamento, è DIVINA.

Questo è il mio fioretto di oggi

Giusy Beatrice Lorenzini ❤️

Dio non è un pronome personale…

Tag

, , , , , ,

DIO NON È UN PRONOME PERSONALE…
C’è qualcuno che ricorda, quando andavamo a scuola i pronomi personali “mi ti ci si vi”? Ebbene, ho notato che ogni qualvolta si parla di Dio, questo pronome personale viene usato a sproposito.
Dio ci chiede, Dio ci dice, Dio fa questo e fa quello; Dio fa e disfà a suo piacimento e noi terrestri dobbiamo solo che subire i suoi capricci. Questo modo di pensare è UMANO, ed è decisamente deviante, da ciò che è una divinità incommensurabilmente superiore a noi poveri bipedi terrestri. L’ aldilà di Dio è in una dimensione FUORI DAL TEMPO E DALLO SPAZIO. Senza tempo quindi come recita il salmo 139 “mille anni sono per te un giorno e un giorno mille anni”…l’ Eterno ( come viene chiamato spesso nelle scritture), non compie gesti umani: né fa una cosa e poi si pente, non raccoglie un figlio perché doveva piantare un fiore nel suo bel Paradiso. Non fa ammalare di cancro nessuno, né tantomeno decide chi far campare 100 anni o meno. La creazione è un atto unico, iniziata con il Big bang, ed il tempo è cominciato ad esistere in quel momento. Invece di trasformare il Padreterno ( anche con l’ aggiunta dei pronomi personali), in un becchino o in un despota che invia a proprio piacimento ogni sorta di calamità, cominciamo nel terzo millennio a pensare in grande, lontano dalle supposizioni umane: prima del Big bang, cosa c’era? insomma, chi ha acceso la miccia?

NOBISCUM DEUM! 218 E DIO DISSE….

Tag

, , , , ,

“Non ti farai di me immagine alcuna…”

E DIO DISSE A MOSÈ:
«Ma tu non potrai vedere il mio volto, perché nessun uomo può vedermi e restare vivo». Esodo cap. 33

L’ uso e l’ abuso delle immagini divine, sono contrarie palesemente in tutte le sacre scritture. Dio è un’ entità inimagginabile, puro Spirito, pura energia e ineffabile. S. Agostino affermava che descrivere Dio, è come pretendere di mettere l’ oceano in un bicchiere. Nessuno può reggere lo sguardo di Dio, sarebbe come guardare il Sole in faccia, saremmo accecati e annientati, tale è la sua potenza. Se vi domandate perché il mondo va così male, DOMANDATEVI anche dove è Dio nei vostri cuori.

Giusy Beatrice Lorenzini ❤️

PS. Come avevo annunciato precedente, ho ripreso a scrivere fioretti di tanto in tanto. Sono più soft rispetto agli altri, ma non è detto che siano meno importanti. Sono il mio modo per chiedere aiuto al Signore contro il covid e per la salute in generale. Chiunque amerà leggerli spinti da questo sentimento, saranno molteplici “piccoli fiori” che saranno offerti a Dio per chiedere questo tipo di aiuto. Non è mia intenzione scambiare questa mia iniziativa per una mera catena di S. Antonio, in ciò che pubblico si va ben oltre: cito passi biblici, nozioni teologiche e soprattutto cerco in tutti i modi di spianare le menti verso il trascendente. Sono oltre, siamo oltre.

NOBISCUM DEUM! 217 …Io e Dante, Forever…

Tag

, , , , ,

IO E DANTE❤️
Oggi ricorre la morte in esilio del grande Dante Alighieri. Pochi sanno del il mio amore viscerale per la divina commedia. Il Paradiso l’ ho letto tutto (1550 pagine), è un capolavoro di dottrina cristiana, con dei risvolti trascendentali di enorme profondità. Non è vero che le letture sacre fanno noia…fanno noia come vengono insegnate! Dalla Bibbia, ai trattati teologici di S.Tommaso d’Aquino, al grandissimo S.
Agostino, a Dante , alla filosofia, alla letteratura ( i fratelli Karamazov), i passi sono brevi. I fior fiori delle menti umane si convogliano nella teologia, si confrontano e si possono dividere, ANCHE PER UN SOLO VERSETTO. Questo interagire però, fa sì, che il sacro testo è posto sotto una lente d’ ingrandimento da secoli, dove migliaia di occhi di ogni tempo e di ogni luogo, vi hanno poi, lasciato una spiegazione per ogni parola scritta. Cristiano dunque, non è solo il cattolico, ma lo è il cristiano ortodosso, il Valdese, il Protestante e tutti coloro che si rispecchiano nella figura del Cristo. A questo punto è chiaro che le letture”sacre” alternative crollano, sotto il peso di questa immensa mole di cultura a tutto campo. A Cosa servono tanto per dire, i vangeli apocrifi? Cosa mi cambia nella vita sapere che Gesù bambino faceva uccellini di creta che poi volavano??? Cosa mi serve andare dietro a Biglino, un falso profeta da cui stare alla larga, dove nei suoi libri (che vanno a ruba) e con grossi guadagni, egli afferma che in base ad un versetto dell’ antico Testamento, noi saremmo un popolo discendente da Extraterrestri, chiamati GIGANTI, quando la moderna paleontologia ESCLUDE in ogni maniera questa teoria assurda. State lontani dai falsi profeti, dice Gesù a più riprese, non fatevi abbindolare, la deviazione del culto è gravissima, poiché vi porta a credere in ciò che è FALSO facendovi allontanare dal VERO E UNICO DIO. Allontanatevi da queste sette che imperversano sui social, rimanete ancorati in Dio. Stringo a me Dante, che tante cose mi ha fatto capire sull’ aldilà, sono la sua amata Beatrice che con tanta dedizione le sto accanto da decenni. Mi piacerebbe leggere il PURGATORIO, dal quale nessuno di noi può scappare….nel senso che, nessuno di noi umani può ascendere a Dio, senza aver tolto ogni più piccola imperfezione terrena (Purgatorio appunto).Devo essere lasciata un po’ in pace dalla vita, per me leggerlo è il meno, coglierne il significato invece, è tutta un’ altra storia…occorre tempo e silenzio interiore

By Giusy Beatrice Lorenzini
Scrittrice per passione ❤️

NOBISCUM DEUM!216…In nome di Dio, in nome di Allah.

Tag

, , , , , , , ,

TRA LE DONNE OCCIDENTALI CRISTIANO-CATTOLICHE DEL PASSATO E LE DONNE MUSULMANE, NON CI SONO SOSTANZIALI DIFFERENZE

Abito a lutto che s’ indossava nell’ 800′-900′

❤❣❤

C’è molto sole
sui paesi dell’Islam:
un sole bianco,
violento che acceca.
Ma le donne musulmane
non lo vedono mai:
i loro occhi
sono abituati all’ombra
come gli occhi delle talpe.
Dal buio del ventre materno,
esse passano
al buio della casa paterna,
da questa
al buio della casa coniugale,
da questa
al buio della tomba.

Oriana Fallaci

IL RUOLO DELLE DONNE OCCIDENTALI TRA L’ 800′ E IL 900′

Le donne non potevano esercitare una professione, a meno che non fosse quella di insegnante o di domestica, né era loro riconosciuto il diritto di avere propri conti correnti o libretti di risparmio.

Legalmente, le donne sposate avevano diritti simili ai propri bambini. La legge considerava una coppia di sposi come una persona sola, incarnata nella persona del coniuge maschile. Il marito era responsabile della moglie ed obbligato a proteggerla; in cambio, la moglie aveva il dovere di obbedienza al marito.

La proprietà personale che la moglie aveva portato con sé al momento del matrimonio, diveniva irrevocabilmente di proprietà del marito ed allo stesso restava anche in caso di divorzio. L’eventuale reddito di una moglie lavoratrice apparteneva completamente a suo marito, e la patria potestà dei figli era affidata al padre. Egli poteva anche, a sua discrezione, proibire ogni tipo di contatto fra la madre ed i suoi figli. (Fonte Wikipedia).

PRIMA LETTERA DI PIETRO…le donne siano sottomesse al marito

1Allo stesso modo voi, mogli, state sottomesse ai vostri mariti, perché, anche se alcuni non credono alla Parola, vengano riguadagnati dal comportamento delle mogli senza bisogno di discorsi, 2avendo davanti agli occhi la vostra condotta casta e rispettosa. 3Il vostro ornamento non sia quello esteriore – capelli intrecciati, collane d’oro, sfoggio di vestiti – 4ma piuttosto, nel profondo del vostro cuore, un’anima incorruttibile, piena di mitezza e di pace: ecco ciò che è prezioso davanti a Dio. 5Così un tempo si ornavano le sante donne che speravano in Dio; esse stavano sottomesse ai loro mariti, 6come Sara che obbediva ad Abramo, chiamandolo signore. Di lei siete diventate figlie, se operate il bene e non vi lasciate sgomentare da alcuna minaccia.
7Così pure voi, mariti, trattate con riguardo le vostre mogli, perché il loro corpo è più debole, e rendete loro onore perché partecipano con voi della grazia della vita: così le vostre preghiere non troveranno ostacolo.

ALCUNI PASSAGGI DEL CORANO… Le donne vanno ammonite e picchiate se insubortinate

34. Gli uomini sono preposti alle donne [40] , a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni [41] . Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato [42] . Ammonite quelle di cui temete l’insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse [43] . Allah è altissimo, grande.

MOSÈ E LA SPIETATA LEGGE DEL TAGLIONE….non sono dissimili dalla sharia


Levitico 24
1 Il Signore disse ancora a Mosè: 2 «Ordina agli Israeliti che ti portino olio puro di olive schiacciate per il candelabro, per tenere le lampade sempre accese. 3 Aronne lo preparerà nella tenda del convegno, fuori del velo che sta davanti alla testimonianza, perché le lampade ardano sempre, da sera a mattina, davanti al Signore. È una legge perenne, di generazione in generazione. 4 Egli le disporrà sul candelabro d’oro puro, perché ardano sempre davanti al Signore.
5 Prenderai anche fior di farina e ne farai cuocere dodici focacce; ogni focaccia sarà di due decimi di efa. 6 Le disporrai su due pile, sei per pila, sulla tavola d’oro puro davanti al Signore. 7 Porrai incenso puro sopra ogni pila e sarà sul pane come memoriale, come sacrificio espiatorio consumato dal fuoco in onore del Signore. 8 Ogni giorno di sabato si disporranno i pani davanti al Signore sempre; saranno forniti dagli Israeliti; è alleanza. 9 I pani saranno riservati ad Aronne e ai suoi figli: essi li mangeranno in luogo santo; perché saranno per loro cosa santissima tra i sacrifici in onore del Signore. È una legge perenne».
10 Ora il figlio di una donna israelita e di un egiziano uscì in mezzo agli Israeliti; nell’accampamento, fra questo figlio della donna israelita e un israelita, scoppiò una lite. 11 Il figlio della Israelita bestemmiò il nome del Signore, imprecando; perciò fu condotto da Mosè. La madre di quel tale si chiamava Selòmit, figlia di Dibri, della tribù di Dan. 12 Lo misero sotto sorveglianza, finché fosse deciso che cosa fare per ordine del Signore. 13 Il Signore parlò a Mosè: 14 «Conduci quel bestemmiatore fuori dell’accampamento; quanti lo hanno udito posino le mani sul suo capo e tutta la comunità lo lapiderà. 15 Parla agli Israeliti e di’ loro:
Chiunque maledirà il suo Dio, porterà la pena del suo peccato. 16 Chi bestemmia il nome del Signore dovrà essere messo a morte: tutta la comunità lo dovrà lapidare. Straniero o nativo del paese, se ha bestemmiato il nome del Signore, sarà messo a morte.
17 Chi percuote a morte un uomo dovrà essere messo a morte.
18 Chi percuote a morte un capo di bestiame lo pagherà: vita per vita.
19 Se uno farà una lesione al suo prossimo, si farà a lui come egli ha fatto all’altro: 20 frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente; gli si farà la stessa lesione che egli ha fatta all’altro.
21 Chi uccide un capo di bestiame lo pagherà; ma chi uccide un uomo sarà messo a morte.
22 Ci sarà per voi una sola legge per il forestiero e per il cittadino del paese; poiché io sono il Signore vostro Dio».
23 Mosè ne riferì agli Israeliti ed essi condussero quel bestemmiatore fuori dell’accampamento e lo lapidarono. Così gli Israeliti eseguirono quello che il Signore aveva ordinato a Mosè.

La sharia Cosa prevede?

La Sharia può cambiare anche nel tempo, per cui è praticamente impossibile sapere come verrà applicata dai talebani del futuro. Possiamo guardare come era interpretata prima del 2001, prima della caduta di Kabul per l’intervento armato dell’occidente. Prevedeva:

La condanna a morte per i comunisti
Le mutilazioni di mani e piedi per ladri e criminali
Le donne non potevano uscire di casa senza burqa e senza il marito o un parente di sangue
Le donne non potevano guidare bici, motocicli e automobili.
La separazione dei sessi negli spazi pubblici era totale.
Le donne non potevano apparire in fotografie, riviste, tv e giornali, né potevano lavorare fuori casa ed entrare in contatto con uomini diversi dal marito o dai parenti.

LA SHARIA È MOLTO SIMILE ALLA LEGGE MOSAICA occhio per occhio, dente per dente…

La Sharia può cambiare anche nel tempo, per cui è praticamente impossibile sapere come verrà applicata dai talebani del futuro. Possiamo guardare come era interpretata prima del 2001, prima della caduta di Kabul per l’intervento armato dell’occidente. Prevedeva:

La condanna a morte per i comunisti
Le mutilazioni di mani e piedi per ladri e criminali
Le donne non potevano uscire di casa senza burqa e senza il marito o un parente di sangue
Le donne non potevano guidare bici, motocicli e automobili.
La separazione dei sessi negli spazi pubblici era totale.
Le donne non potevano apparire in fotografie, riviste, tv e giornali, né potevano lavorare fuori casa ed entrare in contatto con uomini diversi dal marito o dai parenti.

OGNI FONDAMENTALISMO RELIGIOSO È DA CONDANNARE, SENZA SE, SENZA MA….
I Talebani di oggi, sono ciò era il clero cattolico secoli fa. Persecuzioni, roghi, imposizione religiosa, donne usate come merce di scambio e considerate inferiori. Niente a che vedere con l’ amore di Dio rivelato nelle scritture. Questi equivoci tremendi, nascono da interpretazioni errate anche DI UN SINGOLO VERSETTO. La cosa più rilevante, è che attraverso la cultura e la progressione dei secoli, questi eventi drammatici del passato cattolico, sono stati superati, tant’è che diversi papi hanno chiesto PERDONO. Certamente è un boccone amaro da mandare giù per il cristiano, che di fatto ancora non riesce a superare questa “empasse”. C’è da dire che non possiamo rendere moderno l’ uomo antico e, bisogna aggiungere per amor di verità, che la religione cristiano-cattolica è l’ unica che fa revisionismo storico, insomma, nessuno oggi si sognerebbe di dire che il mondo è fatto in sei giorni! Dobbiamo sperare e auspicare che i Talebani ancora ancorati a questo fondamentalismo becero, avviino un processo di umanesimo che porti con sé diritti civili e non precetti religiosi. Come occidentali, abbiamo un’ enorme responsabilità in questo.

Buona riflessione

Giusy Beatrice Lorenzini ❤️

Sì, alle vaccinazioni obbligatorie

Tag

, , , , ,

LE VACCINAZIONI DEVONO DIVENTARE OBBLIGATORIE O NON SE NE ESCE

Per quale motivo io dovrei fare la terza dose, piccola e fragile, mentre altri sani e belli non ne hanno fatto neanche una? Noi più sfortunati siamo le vere cavie, in quanto già con patologie pregresse e con farmaci in circolo nel nostro organismo, dobbiamo aggiungerne altri. Perché è importante che tutti si vaccinino? Perché l’ immunità di gregge bloccherebbe il virus in giro e anche le sue varianti. Ecco perché noi vaccinati possiamo contrarre il covid: non perché il vaccino NON FUNZIONA, ma perché LE VARIANTI che circolano per via degli imbecilli, trogloditi e egoisti che si OSTINANO a non vaccinarsi, fanno Sì, che il covid non venga messo sotto scacco e il vaccino che fu trovato per la prima forma di covid, non copre più le variazioni del virus, ora, Alfa, ora Beta, Gamma, Delta e chissà quante altre ancora. Le Pandemie si sconfiggono con i vaccini, il resto sono ciance di professori venduti al dio denaro, dove agiscono su menti deboli e ignoranti, facendo PACCATE di soldi con la vendita dei loro pseudo-libri. Il prof. Bassetti e molti altri medici “ufficiali’, rischiano la vita per 6000€ circa al mese, vorrei vedere i conti bancari dei medici alternativi! Quanto possiamo continuare a vivere con queste mascherine, quanto possiamo sopportare ancora? Non siamo più curati a dovere per altre patologie, perché ogni sforzo sanitario è rivolto unicamente per il covid. Qualcuno ha mai contato quanta gente è un morta per essere stata lasciata sola e senza la dovuta assistenza per via del covid?
Che Draghi usi la sua forza e obblighi la vaccinazione, così non possiamo andare avanti…Amen

Il Paradiso è perduto….

Tag

, , , , ,

Genesi 2,15
Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse.

NON MERITIAMO QUESTO PIANETA….
La bellezza sconvolgente della nostra casa terrestre, non fa altro che farmi raggelare, di fronte al male che GLI facciamo e CI facciamo. L’ abbiamo incendiata, scavata e depredata di ogni risorsa. L’ abbiamo inquinata e avvelenata; abbiamo portato la SUA flora e fauna, quasi all’ estinzione. Non esiste nel mondo una specie spregevole, come la razza umana. La natura si vendica e il male torna indietro. Mangiamo pesce con residui di plastica, carne cresciuta in allevamenti intensivi e contro natura. L’ aria è avvelenata, come i vegetali che mangiamo, anch’essi cresciuti a suon di pesticidi e terreni inquinati. Il cancro è il nostro salario. Aveva ragione la piccola Greta, quando ha smosso le masse con le sue manifestazioni contro queste aberrazioni, ma ben presto, l’ hanno messa a tacere. Serve una presa di coscienza collettiva, serve non abbassare la guardia. Ciò che è successo in Germania, accadrà ancora e ovunque, poiché oramai è evidente che abbiamo sconvolto anche il clima. Dio disse all’ uomo di coltivare la Terra come un giardino; ma non viene ascoltato né lui, né Madre natura. Aspettatevi il peggio, perché il male torna indietro, non una volta, ma due o anche tre.
Giusy Lorenzini ❤️

Nobiscum Deum! 215

Tag

, , , , , ,

VIENI SIGNORE GESÙ” CAP. 22, 20-21

APOCALISSE DI GIOVANNI

20 Colui che attesta queste cose, dice: «Sì, vengo presto!»
Amen! Vieni, Signore Gesù!
21 La grazia del Signore Gesù sia con tutti.

Invochiamo il Santo Spirito affinché ci illumini nella comprensione dell’Apocalisse di Giovanni

VIENI SIGNORE GESÙ” CAP. 22,20-21

20 Colui che attesta queste cose, dice: «Sì, vengo presto!»
Amen! Vieni, Signore Gesù!
21 La grazia del Signore Gesù sia con tutti.

Per la terza volta entra in scena Gesù ed è l’ ultimo dialogo con la comunità dei fedeli. v. 20 In questa estrema, appassionata invocazione: “Amen!Vieni Signore Gesù!” si può intuire l’ eco (trasferita in greco) di un’ antica giaculatoria aramaica delle prime comunità cristiane. La prima invocazione potrebbe essere così formulata: Marana’ tha’, “il Signore è venuto!”. È la professione di fede nell’ Incarnazione, cioè la venuta storica di Cristo nel mondo, nella salvezza già offerta e in azione.

La seconda lettura che si può dare a questa frase invece, potrebbe essere così: ” Marana’ tha’,” Signore vieni!”,, ed è proprio la resa dell’ Apocalisse che, pur essendo certa della prima venuta di Cristo nella storia, attende l’ ultima e perfetta, a sigillo dell’ essere intero.

Potremmo dire che l’ intreccio dei due significati, nasconde la gioiosa certezza che il Signore è venuto già in mezzo a noi, ma anche l’ attesa che egli venga per dare pienezza a tutto l’ essere ed è per questo che gridiamo : Marana’ tha’, “Signore vieni!”.

Prima di chiudere questo libro, diamo uno sguardo alla città di Gerusalemme, attraverso le parole di un Monaco benedettino del Xii secolo rimasto anonimo.

…. “La città di Gerusalemme è posta nelle altezze celesti. Suo costruttore è Dio. Dio è l’ unico fondamento, come lui è il fondatore, Dio, l’ Altissimo che l’ ha fondata. Unica è la via di tutti i suoi abitanti ; unica è la pace che vedono; unica, è la luce che vedono; unica è la sorgente a cui attingono, beati senza fine. E tutto questo è Dio, che è tutto in tutte le cose…. La città è, vede, ama… Questa città non ha bisogno della luce del sole, perché Dio onnipotente Onnipotente la illumina. La sua fiaccola è l’ Agnello di Dio senza macchia, mandato dal Padre nel mondo come vittima e salvezza…. Egli ha fatto uscire i prigionieri dal lago infernale privo di acqua, trionfando dinanzi a loro mentre li introduceva con sé nel suo regno. È bellissimo d’ aspetto, desiderabile allo sguardo… È re pacifico e il suo volto è desiderato dalla terra intera. È il propiziatorio per i peccatori, l’ amico dei poveri , il consolatore degli afflitti, il custode dei piccoli, il dottore dei semplici, la guida dei pellegrini, il redentore dei morti, il coraggio dei combattenti, il generoso rimuneratore dei vincitori”.

L’ Apocalisse di Giovanni è terminata e questo è il mio ultimo fioretto

È stato un grande dibattimento spirituale raggiungere questa meta, ora è tempo che mi dedichi un po’ a me stessa… Nella vigna del Signore c’è sempre da lavorare, ed è per questo che so che ricomincerò, magari con meno frequenza, magari in maniera più soft, il Signore non chiede più di quello che siamo in grado di dare.

Che i 215 semi che ho gettato a terra, diano buon frutto

Giusy Lorenzini ❤️

Scritto con l’ aiuto del libro del card. Gianfranco Ravasi, “Apocalisse”.